L'articolo è incentrato su uno dei più noti dipinti di Adolfo De Carolis, "Laudata sii per la bella luce che desti in terra" o "La Madonna Alinari" (1899). La comparsa di una versione dell'opera in un'asta del 2010 permette di riconsiderare alcune delle fonti quattrocentesche utilizzate da De Carolis e di proporre una riflessione sul suo modo di rielaborare le iconografie antiche in chiave moderna.

Adolfo De Carolis e il ‘400 italiano / Piccioni, Matteo. - In: CAFFÈ MICHELANGIOLO. - ISSN 1826-2546. - STAMPA. - Vol. 14, n. 3(2010), pp. 50-52.

Adolfo De Carolis e il ‘400 italiano

PICCIONI, MATTEO
2010

Abstract

L'articolo è incentrato su uno dei più noti dipinti di Adolfo De Carolis, "Laudata sii per la bella luce che desti in terra" o "La Madonna Alinari" (1899). La comparsa di una versione dell'opera in un'asta del 2010 permette di riconsiderare alcune delle fonti quattrocentesche utilizzate da De Carolis e di proporre una riflessione sul suo modo di rielaborare le iconografie antiche in chiave moderna.
File allegati a questo prodotto
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11573/508827
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact