La propensione all'errore predice l’absent-mindedness, ma non gli incidenti stradali