Perché cambiare: il sociologo e l’oncologo