Persistenza del ritmo circadiano della pressione arteriosa nello shock circolatorio. Implicazioni cliniche e fisiopatologiche.