Su un caso di transessualismo femminile