MALATTIA DIVERTICOLARE. LA GESTIONE CHIRURGICA DEL PAZIENTE COMPLICATO