La forza “cinetica” delle passioni: in risposta a una recensione sulla Poetica di Aristotele