Del fantasma di Carlo Magno e di un falso documento per i “custodes” della Chiesa ravennate