Cadere o lasciarsi cadere: figure del trauma e della soggettività nel cinema rosselliniano del secondo dopoguerra