La regia nel secondo Novecento: aporie e discontinuità