L'«occhio filosofico» e gli «antiquari giganti». L'erudizione e la critica letteraria settecentesca negli scritti foscoliani