Il gruppo Balint e la medicina contemporanea