«Il cinema è l’arma più forte». È tornato il cinema politico?