Nuova legge elettorale e riforma costituzionale: la coerenza c’è, ma non è una virtù