Il "Ramo d'oro" come viaggio della identificazione