Il principio di chiarezza in una recente sentenza della Corte di Cassazione