Adorno e la democrazia manipolata