ARTRITE CRICO-ARITENOIDEA: CONSIDERAZIONI IN MARGINE AD UNO STUDIO CLINICO