SU DI UN CASO DI SINDROME DI CHARLIN