Qualche aspetto inferenziale sull'uso dell'indice di dissomiglianza come test di bontà di adattamento