Legittimazione o difesa funzionale dei diritti umani?