Recensione di Noemi Ghetti, L'ombra di Cavalcanti e Dante