recensione di Pasquale Stoppelli, La Mandragola: storia e filologia