Leibniz e il diritto di proprietà