In numerose democrazie occidentali, tra cui anche l’Italia, lo stato dei rapporti tra politica e cittadini è spesso descritto tramite il ricorso a termini come distanza, disaffezione, disinteresse e disincanto. Riguardo al rapporto tra eletti ed elettori, vi è la sensazione diffusa che si sia di fronte a mondi diversi, con individui che parlano linguaggi mutualmente incomprensibili, incapaci di attivare canali diretti di comunicazione con i cittadini. L’ambiente comunicativo proprio dei media tradizionali, con le ben note tendenze alla personalizzazione e spettacolarizzazione, non contribuisce certo a far recuperare terreno sul fronte del rapporto tra rappresentanti e rappresentati. Le caratteristiche dell’ambiente digitale possono consentire, invece, ammesso che si voglia, dinamiche comunicative di tutt’altra natura. Infatti, nelle varie declinazioni dell’ambiente web, sia esso 1.0 o 2.0, scompaiono le tradizionali mediazioni dei media mainstream e può realizzarsi la piena autonomia del soggetto. Così, i parlamentari interessati a farlo possono mettere in atto strategie comunicative e relazionali tese a narrare la politica tramite l’adozione di punti di vista più vicini ai cittadini nonché a recuperare occasioni di ascolto e interazione. I dati presentati nel volume, tuttavia, ci restituiscono una descrizione della presenza dei parlamentari nel web ispirata, principalmente, all’obiettivo della self promotion piuttosto che all’ascolto e all’interazione con i cittadini. Quale che sia la piattaforma utilizzata – sito, blog, Facebook, YouTube o Twitter – l’uso prevalente che si rintraccia è quello del marketing personale. Questa riduzione della rete a occasione di autopromozione da parte dei parlamentari a scapito di una condivisione dello spazio comunicativo con i cittadini – ovvero con coloro che hanno contribuito ad eleggerli - rappresenta l’ennesima conferma della problematicità dell’idea di rappresentanza all’interno di un sistema elettorale che marginalizza, quasi fino a farla scomparire la constituency communication.

Parlamento 2.0. Strategie di comunicazione politica in internet

BENTIVEGNA, Sara
2012

Abstract

In numerose democrazie occidentali, tra cui anche l’Italia, lo stato dei rapporti tra politica e cittadini è spesso descritto tramite il ricorso a termini come distanza, disaffezione, disinteresse e disincanto. Riguardo al rapporto tra eletti ed elettori, vi è la sensazione diffusa che si sia di fronte a mondi diversi, con individui che parlano linguaggi mutualmente incomprensibili, incapaci di attivare canali diretti di comunicazione con i cittadini. L’ambiente comunicativo proprio dei media tradizionali, con le ben note tendenze alla personalizzazione e spettacolarizzazione, non contribuisce certo a far recuperare terreno sul fronte del rapporto tra rappresentanti e rappresentati. Le caratteristiche dell’ambiente digitale possono consentire, invece, ammesso che si voglia, dinamiche comunicative di tutt’altra natura. Infatti, nelle varie declinazioni dell’ambiente web, sia esso 1.0 o 2.0, scompaiono le tradizionali mediazioni dei media mainstream e può realizzarsi la piena autonomia del soggetto. Così, i parlamentari interessati a farlo possono mettere in atto strategie comunicative e relazionali tese a narrare la politica tramite l’adozione di punti di vista più vicini ai cittadini nonché a recuperare occasioni di ascolto e interazione. I dati presentati nel volume, tuttavia, ci restituiscono una descrizione della presenza dei parlamentari nel web ispirata, principalmente, all’obiettivo della self promotion piuttosto che all’ascolto e all’interazione con i cittadini. Quale che sia la piattaforma utilizzata – sito, blog, Facebook, YouTube o Twitter – l’uso prevalente che si rintraccia è quello del marketing personale. Questa riduzione della rete a occasione di autopromozione da parte dei parlamentari a scapito di una condivisione dello spazio comunicativo con i cittadini – ovvero con coloro che hanno contribuito ad eleggerli - rappresenta l’ennesima conferma della problematicità dell’idea di rappresentanza all’interno di un sistema elettorale che marginalizza, quasi fino a farla scomparire la constituency communication.
Bentivegna, Sara
File allegati a questo prodotto
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11573/442185
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact