Il quarto e ultimo appuntamento della serie di Convegni dedicati a I punti di vista e le vedute di città (la prima parte si è svolta presso l'Accademia Nazionale dei Lincei il 27 maggio 2004; la seconda presso la Facoltà di Architettura "Valle Giulia" dell'Università di Roma "La Sapienza" il 10 dicembre 2004; la terza presso l'Università "Roma Tre" il 27 e 28 gennaio 2005) è dedicata alle vicende del vedutismo urbano degli ultimi due secoli, segnati dall'avvento della fotografia, dal moltiplicarsi dei punti di osservazione e dalla possibilità di rappresentazione globale del territorio. Introdotte da Ugo Soragni per il secolo XIX e da Antonella Greco per il Novecento, le relazioni colgono e approfondiscono i diversi aspetti di un progressivo disfacimento dell'immagine urbana consolidata da secolari tradizioni vedutistiche, che si accompagna ad una perdita di centralità della città nella vita contemporanea. Il ruolo invasivo della fotografia, via via potenziato dalle nuove tecnologie, e sempre meno legato ad una concezione "artistica" dell'immagine (a vantaggio piuttosto della documentazione di fatto) giunge ormai a delocalizzare completamente il punto di vista, spingendolo nel limbo della virtualità e della relatività, facendo tuttavia emergere con più chiarezza le vicende storiche dei luoghi e le parallele trasformazioni della loro fruizione.

I punti di vista e le vedute di città: parte quarta e quinta. Secoli XIX e XX

GUIDONI, Enrico;CAMIZ, Alessandro
2005

Abstract

Il quarto e ultimo appuntamento della serie di Convegni dedicati a I punti di vista e le vedute di città (la prima parte si è svolta presso l'Accademia Nazionale dei Lincei il 27 maggio 2004; la seconda presso la Facoltà di Architettura "Valle Giulia" dell'Università di Roma "La Sapienza" il 10 dicembre 2004; la terza presso l'Università "Roma Tre" il 27 e 28 gennaio 2005) è dedicata alle vicende del vedutismo urbano degli ultimi due secoli, segnati dall'avvento della fotografia, dal moltiplicarsi dei punti di osservazione e dalla possibilità di rappresentazione globale del territorio. Introdotte da Ugo Soragni per il secolo XIX e da Antonella Greco per il Novecento, le relazioni colgono e approfondiscono i diversi aspetti di un progressivo disfacimento dell'immagine urbana consolidata da secolari tradizioni vedutistiche, che si accompagna ad una perdita di centralità della città nella vita contemporanea. Il ruolo invasivo della fotografia, via via potenziato dalle nuove tecnologie, e sempre meno legato ad una concezione "artistica" dell'immagine (a vantaggio piuttosto della documentazione di fatto) giunge ormai a delocalizzare completamente il punto di vista, spingendolo nel limbo della virtualità e della relatività, facendo tuttavia emergere con più chiarezza le vicende storiche dei luoghi e le parallele trasformazioni della loro fruizione.
File allegati a questo prodotto
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11573/441629
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact