A PROPOSITO DI DUE CARMI EPIGRAFICI DI NOVIODUNUM