Nuovi spazi semiotici nella città. Due casi a Roma