Per un giudizio estetico "thick". Steinberg, Johns e l'arte contemporanea