Esistenza e distrazione. Su L’ignorante e il folle di Thomas Bernhard