Michelstaedter e la decostruzione della scrittura