Il 'motu proprio' <<Quaerit semper>> e la dispensa pontificia da matrimonio rato e non consumato