Alla luce delle recenti ricerche condotte dall'autrice presso il Getty Researche Institute di Los Angeles sul tema del "display of art" nei palazzi romani del Seicento, l'articolo analizza il modo di esporre i quadri giovanili di Caravaggio da parte dei suoi primi collezionisti e in particolar modo il cardinale Francesco Maria del Monte, Vincenzo Giustiniani e il cardinale Federico Borromeo. Da tale ricerca emergono linee di ricerca inedite e fruttuose che permettono di rileggere alcuni capolavori del giovane Merisi alla luce del contesto materiale in cui erano inseriti nelle dimore dei suoi ammiratori e mecenati della prima ora.

I due suonatori di liuto di Caravaggio

VOLPI, Caterina
2012

Abstract

Alla luce delle recenti ricerche condotte dall'autrice presso il Getty Researche Institute di Los Angeles sul tema del "display of art" nei palazzi romani del Seicento, l'articolo analizza il modo di esporre i quadri giovanili di Caravaggio da parte dei suoi primi collezionisti e in particolar modo il cardinale Francesco Maria del Monte, Vincenzo Giustiniani e il cardinale Federico Borromeo. Da tale ricerca emergono linee di ricerca inedite e fruttuose che permettono di rileggere alcuni capolavori del giovane Merisi alla luce del contesto materiale in cui erano inseriti nelle dimore dei suoi ammiratori e mecenati della prima ora.
9788860261519
File allegati a questo prodotto
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11573/432587
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact