Straniero e modernità: riflessioni su Tönnies e Simmel