Approccio neuroendocrino: un utile indice clinico nella cefalea?