Tokyo: i dualismi dissolti nel MA