Proust e il caso Blarenberghe : il suicidio come espiazione, l'arte come redenzione