Torino, ovvero il fantasma operaio