«Per fuggir la mattana». Annibal Caro e la scrittura