Pietro e Paolo, l'identità condivisa