"Quel corpo, che per un certo speciale diritto chiamavo mio". Descartes e il corpo della mente