Conclusione. Filippa Mareri fra realtà locale e fermenti europei