Un'inedita sestina del Trecento (tra le rime di Niccolò Beccari)