Alcune considerazioni su mobilità, margini e transiti delle scritture italiane