QUANDO IL CARDIOLOGO FINISCE IN TRIBUNALE: UN CASO CLINICO