Quando la relazione terapeutica favorisce la resilienza