La "malattia cronica" tra pssibilità e vincolo