"Trasfigurazione“ e inversione di senso: Pasolini e la forza del passato