Il movimento abile 'Time-constrained' nella Malattia di Parkinson: osservazioni psicofisiologiche