"La virtù sconosciuta": "celata virtus", dissimulazione e dilemma della scrittura